Spedizione GRATUITA a partire da 25 euro | Info WhatsApp 3809005503

Cerca
Filters
Close

Prevenire influenza e raffreddore con i rimedi naturali

venerdì 16 settembre 2011

Prevenire i malanni di stagione è possibile con i prodotti naturali che rafforzano le difese immunitarie. L'inverno non è lontano e con il freddo arriva la stagione dell'influenza e del raffreddore. L’influenza e il raffreddore sono patologie che colpiscono la maggior parte della popolazione, sia adulti che bambini, uomini e donne. I principali bersagli dell'influenza sono le vie aeree: naso, gola, trachea, bronchi, polmoni. Generalmente l'influenza dura dai tre ai cinque giorni, ma lo stato di affaticamento, che spesso l’accompagna, può prolungarsi per due o tre settimane. Le manifestazioni più comuni sono rappresentate da un aumento della temperatura corporea, tosse, mal di gola, mal di testa, dolori artro-muscolari diffusi, sensazione di spossatezza.

Le forme più lievi possono talvolta essere confuse per raffreddore: i sintomi sono simili, ma nell’influenza sono in genere più marcati e compaiono molto bruscamente, ma soprattutto la causa scatenante della patologia è un’infezione. Oltre ai comuni vaccini farmacologici, la prevenzione di questi malanni di stagione è possibile rinforzando con anticipo le proprie difese immunitarieMolti sono i principi naturali che aiutano l'organismo in questo: Echinacea, Propoli, Rosa Canina, Papavero, Eucalipto e Acerola sono le piante principali utilizzate per prevenire e curare le affezioni dell’apparato respiratorio.

Echinacea purpurea

La sua radice, raccolta in primavera dopo 4 anni di coltivazione, contiene numerosi principi attivi dalle proprietà immunostimolanti: i polisaccaridi proteggono le cellule dalle aggressioni virali, gli alcamidi, dalle proprietà antibatteriche e antimicotiche, e altri componenti con effetti antinfiammatori. Questi componenti agiscono aumentando il tasso di globuli bianchi e favorendo la sintesi di una molecola essenziale per il sistema immunitario: l’interferone. Le ricerche condotte sulle proprietà di questa pianta erbacea, hanno dimostrato che Echinacea ha effetti sia sul raffreddore ordinario che su quello accompagnato da disturbi respiratori cronici. Può essere assunta per periodi da 1 a 3 mesi all’inizio di ogni inverno per premunirsi contro le infezioni ripetute. Priva di tossicità e senza effetti secondari.

Propoli

La propoli è una sostanza resinosa impiegata come antisettico (foto a). E’ un prodotto molto difficile da raccogliere poiché si trova in piccole quantità nel miele: le api raccolgono la resina sulle cortecce degli alberi e la mescolano con la saliva e la cera per ottenere una resina da utilizzare nei loro alveari per indurirne le pareti; in questo modo proteggono la propria casa dalle aggressioni multiple (batteri, fungine, virus), oltre a mantenere l’ambiente interno sterilizzato. Propoli rappresenta un antibiotico molto potente, privo degli effetti secondari creati dalle medicine “classiche”. Particolarmente indicata contro le infezioni delle vie respiratorie (bronchite, faringite, rinite, ecc).

Rosa Canina

Questa pianta è una fonte naturale di Vitamina C (acido ascorbico), essenziale in molti processi ossidativi e importante per le funzioni dei sistema immunitario. E’ necessario un rifornimento continuo di vitamina C, poiché il corpo umano non è capace di sintetizzarla. Il suo livello tende a scendere con l’età e durante le infezioni batteriche e virali. Si consiglia di associare la Rosa Canina con la Propoli nel trattamento delle malattie infettive delle prime vie aeree (laringe e trachea); con l’Echinacea nella prevenzione delle stesse.

Eucalipto (Eucalyptus globulus)

E’ un grande albero ornamentale originario dell’Australia; è stato introdotto e acclimatato nel sud dell’Italia (zona mediterranea). La parte utilizzata di questa pianta sono le foglie (foto b), molto odorose e ricche in oli essenziali. Il più importante tra questi è l’eucalipto, in grado di fluidificare le secrezioni polmonari (mucolitico) favorendo l’espettorazione. Elimina l’irritazione dei bronchi nelle bronchiti acute e croniche. Si consiglia di associarlo alla Propoli nei casi di afonia (abbassamento di voce); da solo contro la tosse grassa. Con il Papaveroper intervenire sulla tosse notturna: i petali di questo fiore contengono alcaloidi, molecole con proprietà espettoranti potenziate dalla presenza di mucillagini emollienti; calma la tosse e le irritazioni della gola.

Acerola (Malpighia punicifolia)

Con questo nome si indica l’arbusto e il frutto prodotto dalla pianta stessa. Si tratta di un piccolo frutto rosso (foto c), simile ad una ciliegia, ricco in oligoelementi, calcio, ferro, magnesio, fosforo, vitamina A, B6 e soprattutto in vitamina C. L’Acerola è 100 volte più ricca di vitamina C di un’arancia; inoltre, rispetto alla vitamina C prodotta industrialmente, è associata a cofattori come i bioflavonoidi o la vitamina P. Queste molecole hanno proprietà simili e complementari a quelle della vitamina C. E’ indicata per prevenire le infezioni invernali, come l’influenza o le affezioni ORL (rinite, otite, faringite, laringite, tracheite, bronchite). Si consiglia in associazione con la Propoli o l’Echinacea.

 

 

la Redazione di Easyfarma.it  

 

Lascia il tuo commento