Spedizione GRATUITA a partire da 25 euro | Info WhatsApp 3809005503

Cerca
Filters
Close

Dermatite Atopica, prurito e disagio

sabato 16 febbraio 2019

Dermatite atopica, prurito e disagio

La dermatite atopica è una condizione cutanea che porta prurito, infiammazione e può divenire cronica, il cui esordio coincide spesso con l'età pediatrica.

La dermatite atopica è conosciuta anche con il termine eczema atopico, e si stima che circa il 10-20% dei bambini nel corso della propria vita svilupperanno questa patologia.

Studi recenti hanno dimostrato che la DA abbia una componente ereditaria che induce a una reazione infiammatoria spiccata verso agenti comuni. I soggetti affetti da dermatite atopica, infatti, hanno una ridotta funzionalità della barriera cutanea che permette ad alcune sostanze, normalmente tenute all’esterno, di penetrare la cute, scatenando la reazione. Cibi meno salutari, inquinamento atmosferico e ambiente domestico insalubre, sono alcuni fattori che acutizzano questa patologia, che rende la quotidianità di una famiglia molto complicata.

Come riconoscere la dermatite atopica?

Dermatite atopica bambino

Le manifestazioni cutanee della dermatite atopica nei bambini solitamente colpiscono dapprima le guance, le braccia e le gambe dove la pelle diventa molto secca, e spesso anche desquamata.

La patologia, nella maggior parte dei casi, regredisce spontanemante nell'adolescenza.

I soggetti allergici, che soffrono di asma, riniti e rino-congiuntiviti, hanno più possibilità di sviluppare questo tipo di manifestazioni cutanee.

I bambini colpiti da DA tendono ad essere molto irrequieti, a piangere spesso, a dormire con difficoltà, a grattarsi continuamente a causa del prurito.

Quindi possiamo riassumere i primi segnali della dermatite atopica:

-          prurito intenso

-          chiazze rosse eczematose si manifestano dapprima sulle guance e, successivamente, su braccia, gambe, cuoio capelluto e glutei a partire dai 3 mesi di vita

-          chiazze che perdurano e si insediano nelle pieghe cutanee (collo, parte posteriore delle ginocchia, parte interna dei gomiti, dietro le orecchie), intorno alla bocca e sulle mani, anche dopo l’anno di vita

Le fasi della dermatite atopica

La dermatite atopica è una malattia che è caratterizzata da periodi di peggioramento (fase acuta) e periodi di miglioramento (fase di remissione).

Nella fase acuta le chiazze compaiono inizialmente sulla pelle con un colore roseo che diventa progressivamente sempre più rosso e accompagnato da rigonfiamenti e vescicole. L’infiammazione cutanea provoca un prurito intenso che, se assecondato, peggiora l’infiammazione con una conseguente intensificazione del prurito e un aumento del rischio di infezioni. In seguito all'azione di grattarsi, dalle chiazze può fuoriuscire del liquido. Si può notare la presenza di vescicole piene di liquido e la successiva formazione di piccole croste. L’intera zona può anche gonfiarsi (edema). È a questo punto che il rischio di infezione batterica (stafilococco aureo) raggiunge l’apice. E' anche il momento in cui il desiderio di grattarsi diventa ancora più intenso! L'istinto a grattarsi induce la formazione di piccole ulcere, tagli che complicano ulteriormente la situazione.

Nella fase di remissione la cute non è più arrossata o essudante ma rimane comunque secca, e l'infiammazione è soggiacente. In questo periodo è bene applicare almeno una volta al giorno una crema emolliente.

Se avete il dubbio che il vostro bambino possa soffrire di dermatite atopica il nostro consiglio è quello di non allarmarsi e di consultare come prima cosa il proprio pediatra.

Se il prurito è veramente insopportabile…

L’eczema causa una situazione di elevato disagio a causa del fastidioso prurito che provoca. Esso può essere particolarmente intenso – persino insopportabile. Fortunatamente esistono delle soluzione che possono alleviare il prurito del vostro bambino.

Le terapie volte alla risoluzione o al miglioramento della dermatite atopica devono essere scelte sempre in base alla gravità della condizione, all'età e alle esigenze del paziente.

In tutti i casi di dermatite atopica, però, essendo la pelle sempre molto secca e con la barriera cutanea compromessa, risulta utile nutrirla quotidianamente rafforzandone lo strato idrolipidico protettivo. Questo semplice gesto può essere anche utile a diradare le riacutizzazioni.

Noi di Easyfarma.it consigliamo sui bambini a rischio, di utilizzare sin dalla nascita detergenti e prodotti emollienti specifici per la pelle atopica, come quelli della linea ATODERM di Bioderma.

Dermatite atopica bambini

Prima di applicare la crema sul bambino, è bene sempre lavare accuratamente le mani. Meglio usare una quantità generosa di crema, e massaggiarla delicatamente e lentamente per favorirne il completo assorbimento.

Nei casi più gravi il medico potrebbe decidere di ricorrere all’associazione tra creme emollienti specifiche e  formulazioni farmaceutiche a base di corticosteroidi.

Potrebbe essere sufficiente anche utilizzare un trattamento lenitivo come ATODERM SOS Spray antiprurito, che grazie alla sua formulazione svolge un’azione lenitiva con effetto immediato (da 60 secondi) e della durata di circa 6 ore. 

 

 

Le domande più frequenti sulla dermatite atopica

 

È una malattia contagiosa?

NO: L’eczema è visibile, ma non trasferibile ad altri: è una notizia importante da spiegare al bambino atopico, ai suoi amici e ai loro genitori.

Presenta delle complicazioni?

NO: È tuttavia necessario trattare le acutizzazioni in modo corretto e idratare la pelle quotidianamente. Il rischio principale è l’infezione.

Devo sottopormi a test allergologici?

NO: Non necessariamente. Un esame allergologico e del sistema immunitario non chiarirebbe ulteriormente le acutizzazioni eczematose, salvo che i trattamenti topici correttamente adottati non abbiano portato a risultati positivi e nel caso si riscontrasse un rallentamento nella crescita. Alcuni dottori consigliano di sottoporsi a test specifici per scoprire eventuali altre patologie atopiche latenti, quali l’asma e, in rari casi, allergie alimentari.

L’eczema atopico è una patologia grave?

NO: Ma è difficile conviverci. La dermatite atopica è suddivisa in tre categorie predefinite: lieve, moderata e grave, secondo l’intensità, il tipo di sintomi e l’impatto sulla qualità di vita.  Per alcuni specialisti (3), la qualità di vita di un bambino atopico è paragonabile a quella di un bambino che soffre di asma o diabete. Per il 96% dei medici (4), una dermatite atopica si ripercuote sulla qualità di vita sia dei bambini direttamente colpiti sia dei loro famigliari: cura personale, alimentazione, condizioni di vita, sonno, stress, irritabilità assenze da lavoro. Mai esitare a consultare un dermatologo o un pediatra per ricevere aiuto e risposte a ogni domanda.

Il dato positivo è che solo il 4% della popolazione adulta oltre i 15 anni di età soffre di dermatite atopica (5). Nella maggioranza dei casi, la malattia scompare durante l’infanzia.

 

 

 

La Routine consigliata per Pelle a tendenza atopica

 

1. Detergere

 

Atoderm Huile Douche detergente olio doccia

Atoderm Huile Douce

2. Trattare

 

Atoderm intensive Baume balsamo trattante nutriente

Atoderm Intesive Baume

3. Donare sollievo immediato

 

Atoderm Spray SOS lenitivo anti prurito

Atoderm Spray SOS

 

Andrea Dati

Lascia il tuo commento