SPEDIZIONE GRATUITA con soli 25euro di spesa

Cerca
Filters
Close

Crescina stem: cellule staminali vegetali attive

venerdì 5 agosto 2011

Crescina stem: cellule staminali vegetali attive

Trattamenti anticaduta Crescina Stem


I laboratori Labo in questi ultimi anni hanno elaborato un concetto di trattamento rivoluzionario che riguarda l'azione delle cellule staminali vegetali sulla pelle e sul capello e che prende avvio proprio dalle più importanti scoperte scientifiche degli ultimi anni sulle cellule staminali.

Sulla base delle scoperte relative alle straordinarie capacità delle staminali,i ricercatori di Labo hanno approfondito le ricerche e messo a punto un originale complesso di Cellule Staminali Vegetali Attive che, aggiunto ai preparati ad uso topico di impiego cosmetico, svolge un'azione di natura rigenerante, ricostruttiva e riattivante la longevità cellulare a beneficio delle cellule staminali epidermiche e di tutti gli strati cellulari cutanei e del follicolo pilifero.

Le Cellule Staminali Vegetali Attive di Labo
Con l'età i tessuti non ricevono più un adeguato ricambio cellulare da parte delle cellule staminali, perdendo progressivamente la capacità di funzionare in modo adeguato. Le cellule staminali invecchiano con l'organismo e per questo diminuisce la capacità rigenerante dei tessuti e della pelle. A livello cutaneo si innesca un processo generalizzato di senescenza a carico delle cellule cutanee che costituiscono l'epidermide, il derma, il follicolo pilifero dovuto al minor funzionamento delle cellule staminali localizzate in questi siti. A ciò si unisce la perdita della capacità di rispondere allo stress ossidativo e ai danni ambientali.

L'obiettivo del nuovo complesso individuato dai ricercatori di Labo e sottoposto a deposito di brevetto svizzero è quello di intervenire nei confronti di questi processi degenerativi tramite cellule staminali vegetali attive di due tipi unite ad una terza molecola, finalizzando l'azione sulle cellule di epidermide, derma, e follicolo. Si tratta di staminali ottenute tramite un particolare processo di coltura, dalle specie botanica Malus domestica, per aiutare la riproduzione delle cellule epidermiche e dermiche e la loro capacità di autorinnovamento; dalla specie botanica Buddleja davidii allo scopo di proteggere dai danni da ossidazione tutte le cellule della pelle. Questa protezione a livello cellulare è particolarmente importante perché in tal modo le cellule riescono a mantenere integra la loro funzionalità, ritardando il processo di senescenza cellulare; inoltre la molecola del Teprenone interferisce con la riduzione della lunghezza dei telomeri cellulari che causa minore vitalità e il degrado della pelle. Il Teprenone, proteggendo i telomeri, contribuisce ad aumentare la longevità cellulare.
Le Cellule Staminali Vegetali Attive di Labo, grazie alla loro capacità di aumentare la proliferazione e l'attività delle cellule dei bulbi piliferi, di proteggere le cellule della cute e dei follicoli dai danni da ossidazione e di ritardare del follicolo pilifero, ritardandone l'invecchiamento precoce e riducendo il diradamento del cuoio capelluto. Questo si traduce in una fase anagen, cioè una fase di crescita del follicolo più lunga, una sintesi di cheratina maggiore e pertanto in uno stimolo più efficace per la crescita del capello nel cuoio capelluto diradato. L'azione sinergica e brevettata delle Cellule Staminali Vegetali Attive di Labo, come trattamento del cuoi capelluto affetto da diradamento dei capelli, è resa più specifica per le cellule del bulbo pilifero dalla presenza di una particolare sostanza attiva, la Genisteina.

La Genisteina fa parte della famiglia degli isoflavoni di soia ed è un inibitore della 5-alfa reduttasi, enzima presente nei follicoli piliferi, responsabile del fenomeno della miniaturizzazione follicolare. E' noto che questo enzima - che contraddistingue in particolare la condizione di alopecia androgenetica - contribuisce fortemente all' assottigliamento dello stelo, alla crescita di un capello progressivamente più corto e scarsamente pigmentato e alla diminuzione complessiva del numero di capelli: il diradamento del cuoio capelluto. La Genisteina, contrastando l'attività della 5-alfa reduttasi, rappresenta uno stimolo positivo per la crescita del capello. Essa agisce in forte sinergia con le cellule staminali vegetali attive per trattare efficacemente il diradamento dei capelli.

Crescina Stem

I nuovi trattamenti Crescina Stem si compongono di due elementi: le fiale  Crescina Stem con aggiunto Poly-Phtyc Factor e le Cellule Staminali Vegetali Attive contenute in un flaconcino all'interno della confezione.

La modalità d'uso è molto semplice: dopo aver aperto la fiala, si aspirano 0,5 millilitri di miscela di Cellule Staminali Vegetali Attive dal contenitore e si aggiungono direttamente nella fiala. Dopo averla richiusa con il dosatore a beccuccio si agita delicatamente e si procede all' applicazione.

Per dimostrare la maggiore efficacia di Crescina Stem con Cellule Staminali Vegetali Attive, nella stimolazione delle cellule del bulbo pilifero a produrre cheratina, proteina indispensabile alla crescita del capello, è stato effettuato un test in vitro. Cheratinociti umani sono stati coltivati, separatamente, con Crescina Stem più le Cellule Staminali Vegetali Attive e con la stessa formula senza Cellule Staminali Vegetali Attive. Dopo 48 ore di incubazione con i due prodotti, si è provveduto all'estrazione delle proteine totali dai cheratinociti e alla valutazione della sintesi di cheratina da parte delle due colture cellulari.

Il risultato ottenuto dal confronto tra le due formule è stato il seguente:
Crescina Stem con Cellule Staminali Vegetali Attive, ha indotto un incremento nella produzione di cheratina pari all'80,9% in più, rispetto alla quantità ottenuta senza Cellule Staminali Vegetali Attive.
 

Lascia il tuo commento